giovedì 21 aprile 2011

My Own Miracle

Soundtrack: "Angeles" - Subsonica




La chiamano Piazza dei Miracoli.
Colpa o merito di d'Annunzio, m'han detto.

Io, ai miracoli, quelli che ti raccontano in televisione,
quelli che tutti chiedono ma nessuno ottiene,
non ci credo.

Poi mi ci sono seduto su quel prato.
Ci ho passato delle ore.
Ho respirato il profumo d'erba tagliata,
mescolato con le fragranze delle migliaia di persone che ogni giorno passano da lì.
Mi sono dedicato del tempo.
Ho osservato.

Ed è lì che ho compreso quali siano i veri miracoli,
quelli a cui anche io mi ritrovo a credere,
quelli che quotidianamente si ripetono all'interno di quelle mura.





Il miracolo del sole.
Luce, vita.
Un abbraccio tiepido,
che avvolge cuore e mente.









Silenzioso, si nasconde oltre l'orizzonte.
Nasce e muore ogni giorno.
Non ha mai vissuto e mai vivrà una sola notte.
Ditemi voi che sapete,
se non è questo un miracolo.






 

In una dimensione spazio temporale di questo tipo,
non puoi che provare un senso primordiale di serenità.
Stai bene.
Non sai ne come, ne perché, ma sorridi.
Forse perché un reale motivo non c'è.
Forse, perché il più semplice dei miracoli,
è la gioia di vivere.




Questa gioia di vivere ti nasce dentro.
Esplode, s'infiamma, ti invade.
E' così potente che devi, in qualche modo, convertirla in un'azione concreta.
Non va sprecata, ma sfruttata in tutta la sua potenza.


 E allora prendi in mano i libri.
Dai inizio allo studio più fruttuoso delle ultime settimane.
Oppure prendi il telefono e chiami.
Non importa chi, non importa per dire cosa.
Basta poter comunicare a qualcuno l'immenso potenziale che racchiudi nelle tue vene.



L'azione migliore che mi ritrovo a sperimentare è il dialogo.
Ragionare.
Etica, morale, democrazia.
Ma anche metafisica, critica, religione.
Kant, Rousseau, Machiavelli.
Sono così protagonisti nostri dialoghi, 
che pare siano seduti lì con noi.




Il tempo scivola via come un sospiro.
Non ti da la minima possibilità di renderti conto che sono passate ore.
Anche se sai che hai appena passato una giornata meravigliosa.


Non ho chiesto, non ho preteso, non ho implorato.
Mi sono semplicemente seduto,
ho lasciato libero il mio spirito,
ho agito,
e ho ricevuto il dono più grande.
Ho ricevuto il mio miracolo.








***Photos***


Tempo: 17 e 18 Aprile 2011
Luogo: Piazza dei Miracoli, Pisa

34 commenti:

  1. buon per te. mi pare di capire hai visitato pisa in un giorno di non troppa confusione. io sono stato là solo una volta e di domenica... nu casino!

    RispondiElimina
  2. Ciao carissimo! Gente là ce n'è sempre e costantemente. Ma in qualche modo non ho trovato nulla di caotico. Forse, ho avuto solo fortuna! ;)

    RispondiElimina
  3. Io sono stata da piccola a Pisa ma ricordo perfettamente Piazza dei miracoli... mi è rimasta nel cuore! :) queste foto sono meravigliose... bellissimi i controluce, sembra che questo luogo così magico stia bene sia a colori che in bianco e nero! le tue parole poi sono così vere.... il nostro miracolo è la vita!! oggi abbiamo pensato entrambi a cose molto simili.... ;) complimenti amore!

    RispondiElimina
  4. Stavo pensando la stessa cosa leggendo prima la tua poesia..incredibile come abbiamo avuto elucubrazioni così simili oggi! ;)
    Sapevo ti sarebbero piaciute queste foto amor! ;)

    RispondiElimina
  5. noooooooooooo....nooooooooooooooo...maledettaccio di unooooooo. Lo sapevo che mi facevi sbavare...con i tuoi controluce stupendi. Ah ecco...poi io adoro le ombre. La foto con la tua ombra? Ne vogliamo parlare? Lo sapevo che mi spiazzavi!!! Come fai sempre, altro che odio di qua e di là...cavolo cavolo. Eh certo che le tue foto trasudano di miracolo. No scusa perchè il tramonto che hai fatto? Ma nuuuuuuuu, non puoi uccidermi così. E non si fa. A tutta la serie 10 assolutamente! E ci metto cum laude.

    RispondiElimina
  6. Sedersi e lasciare che le emozioni prendano possesso di te. Questa è il miglior modo di "leggere" una città. Le tue foto sono fantastiche.

    RispondiElimina
  7. AHAHA! Bella lei! ;) Il prossimo post sarà unicamente di controluce..sai che non resisto! Quindi avrai di che divertirti.. ;) Grazie, come sempre. Quella con l'ombra l'ho studiata un po' prima di realizzarla..volevo esserci in una mia foto..;)

    RispondiElimina
  8. @ tiziana: non potevi descrivere in modo migliore il senso di questo post. Grazie, davvero. Trovo anche io che quello sia il modo migliore di leggere e vivere una città. GRAZIE!

    RispondiElimina
  9. inutile farti i complimenti per gli splendidi scatti, perché ormai te li faccio sempre! Va b'è va, te li faccio anche oggi: COMPLIMENTI!
    Sui miracoli sono molto vicina al pensiero che hai scritto sopra! :)

    RispondiElimina
  10. Cara Karma, i tuoi complimenti sono sempre ben accetti! E anche oggi ti ringrazio dal profondo del cuore. ;) E sono felice del fatto che condividiamo questo pensiero! ;)

    RispondiElimina
  11. Bellissime!!!(come sempre!) La 4 è la mia preferita!!!

    RispondiElimina
  12. bellissime foto e parole vere come non mai. hai centrato in pieno quel senso di pace e serenità che ti piglia quando vai a passare qualche ora immerso nel verde di una città.
    chi dorme, chi gioca, chi legge, chi studia, chi suona. e tu te ne stai lì e sai benissimo che non hai bisogno di nient'altro.

    RispondiElimina
  13. Ciao Ser...io in situazioni come queste, con un sole stupendo e un prato verdissimo mi tolgo calze e scarpe in due secondi e cammino a piedi scalzi...una cosa che adoro!!! sentire l'erbetta fresca, il tepore del sole, godere di una città bellissima come lo è Pisa, magari chiaccherare tranquillamente con chi mi sta vicino...ecco questo è per me un gran bel miracolo...che non capita tutti i giorni!!!...e si può fare senza scomodare tanti santi in cielo!!!...ciao complimenti come sempre per le foto...divine!!!...alla faccia dei santi!!!!

    RispondiElimina
  14. Ciao dottore! ;) Vedo che siamo sulla stessa linea d'onda.. Stare lì, con quel senso di serenità, è quanto di più bello possa capitare in una città nuova. Grazie uomo! ;)

    @ ila: Carissima! Dio che gioia togliersi le scarpe e camminare sull'erba! Condividiamo questa splendida abitudine..mi piaaaaaace! ;)
    E hai perfettamente ragione.. i veri miracoli sono qui..senza chiamare in causa i santi! ;)
    Grazie ragazza!

    RispondiElimina
  15. Ciao!! Sì, sì, è proprio un miracolo quello a cui hai assistito! :D L'immagine del profumo d'erba tagliata mescolato con le fragranze delle persone si è stagliata prepotentemente nella mia mente e penso che me ne ricorderò ogni volta che mi ritroverò seduta su di un prato... ;) La luce è sempre molto presente e mi è piaciuto particolarmente l'accento posto sul suo influsso sul cuore e sulla mente, aspetti del nostro essere da cui non possiamo prescindere e che qui si concretizzano nei libri o nella ricerca di un dialogo, in generale, da parte di donne e uomini a cui possiamo guardare, per l'intensità con cui sono stati ritratti, riconoscendo in loro espressioni che ci appartengono, che si tratti di uno sforzo intellettuale, di una riflessione o di semplice svago. Ci sono "momenti" in cui si ha la percezione del benessere, questo dev'essere uno di quelli. :)

    RispondiElimina
  16. Ciao Refuge! Come sempre, le tue disamine mi colpiscono per l'accuratezza e per il linguaggio che utilizzi. Mi piace molto il tuo modo di ragionare! ;) L'idea della mescolanza di profumi e fragranze ha colpito anche me quando me ne sono reso conto..e ti assicuro che in un luogo come Piazza dei Miracoli è lampante! Non riesco a fare a meno di inserire sempre e costantemente la luce nei miei scatti.. è più forte di me! Trovo che sia uno dei mezzi migliori per veicolare i sentimenti che provo, le emozioni che vivo. Quello, nello specifico, era decisamente uno di quei momenti di benesse assoluto!
    Grazie del tuo contributo..A presto!

    RispondiElimina
  17. ma ,dico cosi' per caso,ti piacciono i controluce?

    RispondiElimina
  18. AHAHAA! Grande Sabrina.. ;) Diciamo che non dispiacciono... e pensa che nel prossimo post ci sarannl SOLO controluce!| ;)

    RispondiElimina
  19. "The miracle of the sun.
    Light, life.
    A warm embrace,
    that surrounds the heart and mind."

    Beautiful words. Great choice to go with your photos. (Your photos are amazing, as always!) I love the first shot; I like how the sun is shining into the building.

    Also, thank you very much for your comment. I would love to go Italy, I'm planning to go there someday :) If you ever come to LA, I can show you around!

    RispondiElimina
  20. la foto con la tua ombra è geniale!!!

    RispondiElimina
  21. Dear Brenda, find your comment is always a pleasure! Thank you so much..you makes me happy! When you're coming to Italy, I'll definetly be your guide! LA is one of the place I'll go in the near future (At least I really hope so). It will be a pleasure to meet you and let you show me around!

    Thanks for the compliments.. you're so nice! ;)

    @ Turista: carissima! Ma grazie.. ;)

    RispondiElimina
  22. Mirko, ormai non dovresti e invece continui a stupirmi.. Lascio valutare le foto da chi ne è più competente dal lato tecnico, ma la loro bellezza si riconosce ad un primo sguardo, anche se è quello di un profano della fotografia.. e ciò che hai detto mi ha colpito molto. Non so se la causa sia la luce, il calore, la brezza o cos'altro, so solo che io quel giorno ho assistito ad almeno tre miracoli: il primo è quello della vita, del sole che tu, con ben migliori parole, hai già descritto. Il secondo riguarda te e un gualcosa che ti ho visto addosso nel mentre in cui ti sei messo a cercare posizioni, soggetti, angolazioni, riflessi.. era come se in quel momento per te esistevate solo tu e la vita da ritrarre; è una sensazione, difficile spiegare. Il terzo è nostro. Perchè quelle sensazioni che hai descritto, quella pace, quel gusto per la vita, quella felicità è passata anche sulla mia pelle e nelle mie vene. Le ore sono passate lente, miti e leggere; fatte di semplicità e silenzio, quel silenzio che si crea quando due amici, dopo aver tanto parlato, si ascoltano finalmente. Il silenzio che riempie i cuori molto più delle parole. Vita, passione, amicizia.

    (ci sarebbe un quarto miracolo: una splendida ragazza sdraiata sull'erba morbida.. non ci sono uscito assieme: facciamo che i miracoli sono tre e mezzo :D)

    RispondiElimina
  23. Ciao Carlo! Stai diventando protagonista dei miei post..e ciò è cosa molto molto buona! ;) Come ho già detto in precedenza a Giulia, il giudizio "da esperto" è relativo. Mi interessa molto (e in certi casi, come questo, di più) il valore "soggetivo" di un mio scatto. Le emozioni che riesce a suscitare in chi lo guarda e magari lo accompagna alle parole che scrivo. E sapere che ciò che ho prodotto provoca questa tua reazione, non può che rendermi orgoglioso e fottutamente felice.
    Quel giorno è stato magico. Si respirava nell'aria qualcosa di tangibile, tanto era imponente la sua presenza. I miracoli che hai descritto li ho vissuti anche io. Giusto, giustissimo sottolineare anche i silenzi. Non quelli imbarazzati o quelli di qualcuno che non ha nulla da dire. Tutt'altro. Sono i silenzi di chi ascolta. Una gioia che abbiamo avuto (e abbiamo ogni volta che stiamo insieme) l'onore di condividere..
    Grazie uomo. Tutto questo è sopratutto merito tuo!

    (Sul quarto miracolo meglio soprassedere..se non vuoi subire l'invasione da parte delle truppe sarde! ;)

    RispondiElimina
  24. Foto sempre belle però quella degli occhiali del post precedente mi piace ancora di più

    Auguri di Buona Pasqua

    ps
    sei stato cinesizzato!!!

    http://vorreiessereunbaol.blogspot.com/2011/04/made-in-china-4.html

    RispondiElimina
  25. Ciao Baol! ;) Sempre un piacere vederti da ste parti! "De gustibus..." diceva qualcuno..a me fa comunque piacere che le mie produzioni trovino il tuo gradimento! ;) Corro a vedere cosa hai combinato.. ;)

    RispondiElimina
  26. carissimo non ci crederai ma è esattamente quello che stavo pensando oggi mentre percorrevo la super strada fuori città, con il sole che stava per tramontare, finestrino abbassato e brezza primaverile!

    RispondiElimina
  27. silvy! Eccome se ci credo.. è un pensiero naturale in giornate come queste..e poi da una mia vicina di casa londinese non potevo aspettarmi altro! ;) Un abbraccio!

    RispondiElimina
  28. arieccomi, l'altro ieri ero un po' di fretta :D Le foto sono molto belle (come al solito). Oltre a quella con l'ombra trovo deliziosi i b/n con i ragazzi seduti sull'erba a studiare, a chiacchierare, da soli o con gli amici. P.S. buona Pasqua!

    RispondiElimina
  29. Great photos!! I absolutely love the first one.

    RispondiElimina
  30. little gift for you, thanks!!

    http://lmphotografic.blogspot.com/2011/04/inspiration-xi-one-hundred.html

    RispondiElimina
  31. @ Turista: addirittura merito il ritorno per una seconda visita? Sei troppo cara! ;) Adoro pubblicare foto eterogenee nello stesso post perché ognuno ci vede qualcosa di diverso..ognuno apprezza un dettaglio differente. Grazie ragazza! ;)

    @ Marisa: Thank you so much! ;) The first one is one of my favourite too.. ;)

    @ LM: Ho appena visto...FANTASTICO! Grazie infinite..

    RispondiElimina
  32. Un post veramente meraviglioso!
    E le foto sono bellissimo come sempre! =)

    RispondiElimina
  33. Grazie infinite Chiara! Gentilissima..come sempre! ;)

    RispondiElimina