venerdì 27 maggio 2011

They Say The Sound Comes First...

Soundtrack: "Can Anyone Who Has Heard This Music Really Be a Bad Person?" - Kaki King


"Dicono che il suono arrivi prima..
Dicono che quando si vive una verità spirituale,
questa si mostri come un suono.
Un suono che ti trapassa,
cambia le tue vibrazioni,
ti fa raggiungere l'armonia.
Come una sorta di diapason di Dio.."
(Stone)


  L'esperienza del suono è devastante per chi la vive.

 Può sorprenderti da un momento all'altro.
Mentre sei al lavoro.
In auto, bloccato nel traffico.
Seduto al tavolo da pranzo.
In biblioteca.
Al parco.
Sotto la doccia.
Oppure sollevando gli occhi da libro,
ascoltandoti intorno.

La vita riprende freschezza e vigore.

Tutto avviene con tale velocità che non ti rendi nemmeno conto di cosa stia succedendo.
Un istante, eterno come un battito di ciglio.
Un momento, veloce come l'erosione delle montagne.
Una dimensione così astratta che te la senti addosso.
Senza spazio, senza tempo.

Il suono è così forte che non riesci più a sentire nient'altro.
Vuoi solo ascoltare


Può essere il battito d'ali di una farfalla
a portarti in un campo dorato di grano mosso dal vento.

Può essere il passo battente d'un sandalo sul pavimento
a portarti in riva al mare ad assaporare le onde frantumarsi sul bagnasciuga.

Può essere il volante ronzio di un'ape
a portarti nel pieno di un dolce ricordo.

Può essere l'assordante suono del silenzio
ad ancorarti al tuo presente che non senti il bisogno di lasciare.


Tutto ciò che desideri, in quell'istante di pace, è ascoltare.


Ascoltare, in eterno, il suono armonico della vita.




31 commenti:

  1. io quando ho voglia di ascoltare, sparisco praticamente dal mondo, me ne vado al mare e mi butto nei suoni della natura e di quelli del mio ipod ;)

    RispondiElimina
  2. "Può essere il battito d'ali di una farfalla
    a portarti in un campo dorato di grano mosso dal vento"...
    Bellissimo.

    RispondiElimina
  3. Il mare è uno dei luoghi di ascolto più prolifici. Specialmente quando in spiaggia non c'è nessuno..io adoro camminare sulla spiaggia vuota. Ti invidio! Perchè mi pare di capire che tu il mare lo abbia molto vicino a casa!

    RispondiElimina
  4. Grazie Veronix! Non so perché, ma sapevo ti sarebbe piaciuto! ;)

    RispondiElimina
  5. Esatto Ser...a soli 10 minuti :)

    RispondiElimina
  6. E può anche essere l'odioso suono del traffico cittadino a spingerti a ricercare il vento che scorre in un campo di grano o che filtra tra i rami in un bosco, o le onde che si frantumano sul bagnasciuga o sugli scogli, o il silenzio assordante.
    perché è davvero tutto interdipendente in questo mondo.

    RispondiElimina
  7. Bisogna essere però capaci di "ascoltare" immersi nel silenzio, perchè in quel momento si è praticamente da soli con sè stessi .. e molti di noi non hanno il coraggio di mettersi faccia a faccia con il nostro "io" interno .. o no?

    RispondiElimina
  8. @ A. : Ecco, appunto! ;) Posso chiederti che mare?

    @ web runner: Hai perfettamente ragione mio caro corridore. E tu, che corri per le strade del mondo, il suono del vento lo conosci bene. Grazie di essere passato! ;)

    @ katiu: Come non condividere le tue parole ragazza? Ci vuole coraggio e tenacia per affrontare il proprio io..come ci vuole la volontà di lasciarsi trasportare quando sensazioni come queste ti prendono per mano..

    RispondiElimina
  9. a volte il suono del silenzio è quello che più mi affascina e allo stesso tempo mi inquieta... Stupendo questo pensiero Amor, la verità delle parole può far riflettere moltissimo... ;)

    RispondiElimina
  10. Può essere l'assordante suono del silenzio
    ad ancorarti al tuo presente che non senti il bisogno di lasciare.


    Tutto ciò che desideri, in quell'istante di pace, è ascoltare.


    Ascoltare, in eterno, il suono armonico della vita.

    Ed è vero, tremendamente reale. Il suono armonico della vita che si manifesta nei momenti più impensabili, ed è fuggevole. Ma per chi lo sa cogliere diventa motivo di grande emozione. Grazia e potenza, che le tue parole sanno conciliare e fondere in una grande poesia. Davvero bellissima.

    RispondiElimina
  11. @ Giulia: Grazie amore mio! ;) Il suono assordante del silenzio a volte è quanto più di spaventoso e irresistibile ci sia!

    @ Veronica: E' per me una immensa soddisfazione leggere le tue parole e sapere che un mio scritto può averti procurato queste emozioni. Posso solo ringraziarti..So che tu sai ascoltare! (in corsivo..)

    RispondiElimina
  12. è meravigliosa,parole stupendissime,un fantastigliardo di complimenti!!!!!

    RispondiElimina
  13. Sabri! Che piacere sentirti..grazie infinite per i tuoi complimenti! ;)

    RispondiElimina
  14. Grazie per i sempre bellissimi commenti! sono contentissima che piacciano... a quando le tue prossime foto?

    RispondiElimina
  15. Ciao Tiziana! Tutti meritati..te lo assicuro! Le prossime foto? Eh..quando riuscirò a trovare il tempo! Spero presto..prestissimo!

    RispondiElimina
  16. Queste tue parole si addicono proprio alle miei giornate!
    Mi capita spesso di evadere da tutto e tutti, e andare ad ascoltare il rumore del mare (ci sono stata ieri), i rumori degli insetti, del vento fra le piante che si possono sentire solo dentro i giardini (In questo sono fortunata perché ho dei giardini abbandonati, sotto il palazzo, e mi capita spesso di andarci, facendo un p'ò di strada, superando l'erbacce si trovano dei fiori meravigliosi). Certe volte il rumore del silenzio può essere una grandissima emozione! Per me lo è quasi sempre... mi da l'opportunità di pensare, di fare i conti con me stessa. E poi mi piace, perché mi porto sempre la macchina fotografica e qualche blocco da disegno dietro, per cogliere quei particolari che magari il giorno prima non avevo visto, o che probabilmente vedo solo in quel momento e poi non vedo più. Poi in quegli istanti mi capita che per la testa mi frullino anche canzoni che si addicono perfettamente a quello che sto vedendo, immaginando, provando. In quell'istante ascolto davvero "il suono armonico della vita".
    Saranno scontati ormai, ma "Complimenti" Mirko, come sempre riesci ad emozionarmi!

    RispondiElimina
  17. Karma, carissima! E' sempre una gioia immensa vedere le tue parole qui. Non so come ringraziarti! ;) Magari dicendomi dove sono tutti questi posti meravigliosi vicino casa tua..un po' ti invidio! ;)
    Riuscire ad ascoltare l'armonia del mondo che ci circonda, è un'emozione così intensa che rischia persino di far paura..
    Sei tu che mi emozioni dedicandomi parole come queste..grazie infinite!

    RispondiElimina
  18. Di niente! Te le me meriti davvero queste parole e tutta la mia ammirazione! :)

    RispondiElimina
  19. Ser eccoti finalmente...e ci sei mancato! Ma ritorni con le tue prepotenti parole...prepotenti e bellissime...il rumore, il silenzio de vento, il ronzio....poi ho letto questa:

    Se lo guardi non te ne accorgi: di quanto rumore faccia. Ma nel buio... Tutto quell'infinito diventa solo fragore, muro di suono, urlo assillante e cieco. Non lo spegni, il mare, quando brucia nella notte.(A. Baricco)

    RispondiElimina
  20. mare adriatico...puglia ;)

    RispondiElimina
  21. @ Karma: Un abbraccio!

    @ Laura: Ciao carissima! Mi manca un sacco stare qui, andare a scattare e girare per i vostri blog. Ma al momento è così! Grazie di essere passata..splendida citazione!

    @ A.: AMO la Puglia. Ci sono stato l'estate scorsa..indimenticabile. C'è un mare e un'atmosfera incredibile..ti invidio ancor di più!

    RispondiElimina
  22. ehi vlad, ma d'orato si dice? :P

    RispondiElimina
  23. Beeeeeeeella lì. Grazie dottore. Curioso che te ne sei accorto solo tu! -.-'' La lingua italiana mi vuole male..

    RispondiElimina
  24. Il suono arriva solo per chi ha orecchie che sanno ascoltare. Come la vista... vedere è una cosa, guardare è un'altra. Il sunto è che i sensi sono "attivi" solo se chi ne fa uso è ricettivo ed aperto alla vita :)

    RispondiElimina
  25. Mi hai fatto riflettere sui miei suoni, e devo dire che ne ho trovati di molto belli. Solo alcuni: le fusa del mio Tom - il rumore del mare - il respiro di chi ti è accanto - le prime note di una musica - lo scrocchiare di una caramella - Grande Mirko quanti bei pensieri.

    RispondiElimina
  26. @ Maraptica: Non potevi trovare parole migliori per commentare queste mie parole. Hai colto in pieno il significato! Essere aperti alla vita.. e goderne di ogni suono!

    @ tiziana: Carissima, sono felice di averti dato uno spunto di riflessione! I suoni che hai ascoltato, sono quelli che ti fanno apprezzare ciò che ti circonda. Grazie per le tue parole!

    RispondiElimina
  27. Estupendas las líneas que nos has dejado. Un palcer haberme pasado de nuevo por tu casa.

    Saludos y un abrazo.

    RispondiElimina
  28. Bellissime parole... e complimenti per il blog...

    RispondiElimina
  29. come hai ragione! A me basta uno zoccolo che risuona sull'acciottolato e mi ritrovo catapultata nei pressi della spiaggia della mia infanzia, quando sentivo lo stesso suono (visto che tanti anni fa si usavano gli zoccoli e non le infradito per andare al mare!) Baci!

    RispondiElimina
  30. @ Vicissitudini: Grazie a te! ;)

    @ La sonrisa de Hiperiòn: Muchas gracias! Un abrazo..

    @ Verdolina: Ciao e benvenuta! Spero di ritrovarti presto da queste parti! ;)

    @ Turista: Carissima! grazie per il commento..è sempre una gioia per me vedere che passi di qui! ;) pensa che tutto questo scritto è nato proprio da quel suono sentito in università.. ;) Baci!

    RispondiElimina