martedì 4 ottobre 2011

Wish You Were Here

Soundtrack: "Lontano" - Ludovico Einaudi





 C'è qualcosa, in questo vento.
Una sensazione,
un respiro.
C'è tutta la pesantezza del ricordo.




Cammino,
solo.
La strada, è l'ultima cosa che mi è rimasta,
dopo la tua partenza.

Il vuoto, riempie le mie giornate.
Non ho destinazione,
no ho meta.
Forse,
non ho più nessuno scopo.

Non riesco nemmeno a pensare,
annegato in questo silenzio. 




 Capita a volte che le gambe ti portino dove la mente,
spontaneamente, non vuole andare.

Questa, è una di quelle volte.

E' così che mi ritrovo qui
a riempire il vuoto con memorie affilate come coltelli,
taglienti nella loro vividezza.




Per qualcuno sono solo assi di legno,
qualche parte di metallo,
nient'altro.

Come cambia la prospettiva.
Com'è diverso il senso delle cose, per ognuno di noi.
Sono qui,
solo,
immobile nel limbo chiamato nulla,
tra la luce e l'oscurità.

E mi ritrovo a pregare per te,
sebbene io non abbia mai creduto.

Prego,
con tutta la fede d'un uomo perduto.
Prego davanti a un legno inciso,
mio unico simbolo profano.

Ma forse,
non sto pregando per te.
Forse,
sto solo implorando un tuo ritorno...

 Desiderio vano il mio,
come una preghiera caduta nel silenzio,
come un seme abbandonato sul granito...

Una lacrima scende sul mio viso.
Vorrei solo che fossi qui...







Tempo: 28 Settembre 2011
Luogo: Sponda del fiume Tione, Villafranca


 

30 commenti:

  1. Quanta tristezza nelle tue parole, e quanta malinconia... L'inizio mi ha ricordato il vento del nord di Chocolat: vedrai che proprio il vento tornerà per portarti nuove gioie e giorni più felici.
    Un abbraccio, G.

    RispondiElimina
  2. Bel post amore!! Le foto in bianco e nero esprimono sempre tante emozioni diverse... a volte felicità e a volte malinconia... e questa panchina "abbandonata" grida tristezza da ogni angolatura!!!! ;) complimenti!!! :)

    RispondiElimina
  3. @ Giulia: Carissima, non ti preoccupare! Queste parole non rappresentano ciò che sto vivendo in questo momento. Oggi, addirittura, non è nemmeno un giorno triste! Anzi! A volte mi succede, di scrivere di emozioni che non sto vivendo ora.. E' il potere della fotografia.. ;) Un abbraccio!

    @ Giulietta: Amor! ;) Ma grassie! Le parole praticamente me le ha sussurrate la foto stessa.. ;) Sono felice che ti sia piaciuto! ;)

    RispondiElimina
  4. Meno male!! Allora buona giornata :)
    xoxo
    G

    RispondiElimina
  5. allora qui!!!!!vogliamo metterci un po' di colore o no??????(tutta invidia la mia,la verità è che le foto in bianco e nero mi piacciono un sacco......)un abbraccione!

    RispondiElimina
  6. Le foto delle panchine mi lasciano sempre un po' interdetta. Forse perchè a volte ci vedo dentro chissà quali mondi, chissà quali ricordi, chissà quali emozioni .. e a volte invece mi lasciano indifferente.
    Questa volta ce ne sono un paio che, forse grazie anche a quei giochi di ombra e luce sulle assi di legno, che mi fanno tornare in mente di quando mia nonna mi portava al parchetto sotto casa sua e si ostinava a farmi giocare con le cavallette ...

    RispondiElimina
  7. @ Sabrina: ahahah! Grande Sabri! C'hai ragione anche tu in effetti...ritornerò al colore prima o poi! ;) Un abbraccio!

    @ katiu: Ragazza! Felice di non averti lasciato indifferente con la mia panchina.. Il soggetto qui passa in secondo piano rispetto ai giochi di luce, è ovvio. Io ho una predilezione per questo tipo di soggetti comunque! Le cavallette? tipo strano tua nonna!

    @ Hans-Peter: Sorry man, I do not speak a word in German! Could you please translate!? ;)

    RispondiElimina
  8. Ser riesci sempre a stupirmi!
    Gran belle foto... sono rimasta a fissarle per un bel p'ò, a leggere e rileggere quelle parole che in un certo senso parlavano di me, di un evento passato.
    Fortunatamente è passato tanto di quel tempo... che questa sensazione ormai mi sfiora soltanto... però quanto potente è questa nostra amatissima fotografia! :) Ti fa ricordare, pensare, emozionare... è qualcosa di meraviglioso.
    Complimenti come sempre amico mio! :)

    RispondiElimina
  9. Fin, sei sempre il solito stronzo.
    PUNTO.

    ally

    RispondiElimina
  10. @ Karma: Mia carissima ragazza.. hai perfettamente ragione! Il potere della fotografia è immenso..può farci ricordare, emozionare, pensare..sono onorato che un mio scatto possa fare tutto questo! Grazie davvero! ;)

    @ Ally: Con Affetto.. ;)

    RispondiElimina
  11. Mearavigliosa. Anzi forse non rende. Toccante e commovente come poche altre.
    Foto bellissime.

    RispondiElimina
  12. @ Stargirl: Ragazza mia, se dici così mi emozioni! Mi riempie di gioia ciò che dici sai? E' un piacere averti conosciuto!

    RispondiElimina
  13. @Ser mi piace la panchina sfuocata, l'idea del dettaglio ed il resto...ma adesso come la Sabri aspetto i coloriiiiiiiiiiiiii.

    RispondiElimina
  14. Grazie Lauretta! I colori arriveranno a tempo debito e con i giusti scatti..Ho già in mente qualcosa! ;)

    RispondiElimina
  15. Anche per me tanto1 e un'altra cosa da sapere su di me: dico sempre quello che penso, quindi, trust me! Non dispenso facilmente complimenti in giro! ;)

    RispondiElimina
  16. @Ser
    Mia nonna tipo strano sì .. pensa che la cosa che tutti si ricordano è che mi insegnava a fare i solitari con le carte, e quando "non uscivano" mi insegnava pure a barare ^__^ Quindi giocare con le cavallette era il meno che potesse fare ..

    RispondiElimina
  17. Semmpre fotografie intetesanti cimokimenti per le inqauadrature,
    Maurizio

    RispondiElimina
  18. @ Stargirl: allora mi sento ancora piu onorato..grazie ragazza! a presto! ;)

    @ katiu: grande tua nonna..davvero! Sapere che un mio scatto può scatenare un simile ricordo è un grande onore..grazie!

    @ Maurizio: Grazie infinte!I tuoi complimenti contano tantissimo per me.. ;)

    RispondiElimina
  19. Non sto neanche qui a dirti che queste foto mi piacciono da morire perché tanto lo sapevi già, no? Bene, così ci risparmiamo dei complimenti. Perché mi interessa invece sprecare due parole su quello che hai scritto: non aggiungerò che stavo per piangere, come il mio solito, tanto ormai dovresti sapere che sono una dalla lacrima facile, ma giuro, giuro che quando ho letto quello che hai scritto l'avrei fatto, perché sembrava tutto così vero, così reale, così possibile. E non so se sia proprio così, ma io ci ho creduto. Ecco, tutto qui.

    RispondiElimina
  20. "Tutto qui" ???? E ti pare poco ragazza mia!?! Non so davvero come ringraziarti..il tuo modo di emozionarti è per me davvero speciale.. sono felice e orgoglioso che tu possa farlo grazie a qualcosa di mio! Tutto ciò che c'è scritto, rappresenta emozioni, vere, vissute. Solo, non in questo momento.. ;) Un abbraccio!

    RispondiElimina
  21. Ho apprezzato tante, tante bellissime cose qui da te, ma stavolta a mio parere siamo a livello Capolavoro. Continua così, ragazzo, c'è il germoglio della grandezza in te!

    RispondiElimina
  22. Caro Scriba..le tue parole mi commuovono! Non so davvero cosa dire se non che ti ringrazio dal più profondo del cuore. Un abbraccio forte!

    RispondiElimina
  23. Mai pensato che si potesse rendere una panchina segnata dal tempo così bella. A guardarla si capisce al volo la profonda sensazione di mancanza e di vuoto, di nostalgia

    RispondiElimina
  24. @ lastanza: è uno dei poteri immensi della fotografia..la capacità di mostrarci oggetti comuni sotto un'emozione completamente diversa dall'ordinario..grazie ragazza!

    RispondiElimina
  25. Ricordi.. Vecchia amica quella strana tristezza, quella solitaria tristezza che paradossalmente abbiamo condiviso..
    Ricordi? No, non è passato.. Ancora, spesso, quelle sensazioni tornano; e vederle scritte, fotografate, immortalate da te non può che emozionarmi e farmi pensare all'ultima panchina che mi ha tenuto compagnia..
    Simpatica, lei; si, dopo alcune ore lei, la panchina, mi ha fatto tornare il sorriso dicendomi "sai che hai il culo più comodo che abbia mai toccato?!"..
    Preziose le tue foto, preziose le tue parole, preziose anche quelle sensazioni, da cui però è meglio non farsi travolgere troppo: preziosa quella panchina..

    RispondiElimina
  26. C'è ricordo anche nelle tue splendide, meravigliose immagini

    RispondiElimina
  27. "...we're just two lost souls swimming in a fish bowl, year after year, runnig over the same old groud. What have we found? The same old fears. Wish you were here."

    RispondiElimina